Rischio biologico: gestione e responsabilità per dentisti

da | Ultimo aggiornamento 02/06/2024 | Assicurazioni | 0 commenti

rischio biologico dentista

Dentisti e rischio biologico: questa relazione non è affatto nuova, lo si sa.

Resta fermo, però, il fatto che l’importanza della tematica dentisti e rischio biologico è tornata tragicamente attuale dopo lo scoppio della pandemia e, quindi, a seguito dei rischi legati alla diffusione del Covid-19. Vediamo innanzitutto cosa si intende per “Rischio Biologico”.

Rischio Biologico 81/08 : una definizione

Il rischio biologico si riferisce alla possibile esposizione ad agenti biologici in grado di causare danni alla salute umana, come batteri, virus, parassiti, funghi e tossine prodotte da organismi viventi. Negli studi dentistici e negli ambulatori medici, il rischio biologico è particolarmente rilevante a causa del contatto frequente con fluidi corporei e strumenti contaminati.

Quando si parla di “rischio biologico 81/08” ci si riferisce alla definizione di rischio biologico secondo il decreto legislativo n 81 del 2008.

Secondo il Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (T.U. 81/2008), il rischio biologico include qualsiasi situazione in cui i lavoratori possano essere esposti a microrganismi potenzialmente dannosi. Questo decreto stabilisce le misure di prevenzione e protezione che devono essere adottate per garantire la sicurezza dei lavoratori. Tra queste misure, l’uso di dispositivi di protezione individuale (DPI) è fondamentale per ridurre al minimo i rischi nei contesti sanitari, assicurando un ambiente di lavoro sicuro e conforme alle normative vigenti.

Dentisti rischio biologico: di cosa si parla

Con la pandemia del Coronavirus, come detto, il tema del rischio biologico è tornato ad essere attuale specie per gli studi odontoiatrici e ambulatori medici. La tematica è seria e merita un approfondimento.

Cosa sia il rischio biologico abbiamo visto che lo esplica il decreto legislativo 81/2008, che prevede l’attuazione di “misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro”.

Nel decreto, infatti, sono contenute chiare definizioni, utili per inquadrare il problema: quella dell’agente biologico, di microrganismo.

Il microrganismo è inteso come entità (qualsiasi) microbiologica, che sia in grado di trasferire in qualche modo materiale genetico.

L’agente biologico è, invece, presentato come il microrganismo che abbia potere di provocare infezioni o intossicazioni.

Grazie a queste semplici definizioni, si comprende cosa si intenda con rischio biologico.

Il rischio biologico è, dunque, il rischio legato alla possibilità di contrarre una qualsiasi malattia (allergia, infezioni e contagi) come conseguenza diretta dell’esposizione a materiali portatori di queste malattie e, quindi, infetti.

La classificazione degli agenti

Gli agenti sono di norma classificati in quattro gruppi, ordinabili secondo il rischio a cui sottopongono la comunità nel caso di una propagazione non controllata.

Ad intervenire per la classificazione degli agenti biologici non c’è solo il rischio di propagazione, ma anche l’esistenza o l’inesistenza di eventuali terapie.

Il Covid-19 è inserito dall’International Committee on Taxonomy of Viruses ICTV all’interno della famiglia delle Coronaviridae. Secondo il Decreto Legislativo 81/08, i virus che appartengono a tale famiglia sono classificabili all’interno del gruppo 2.

L’autorità cinese ha consigliato, a fronte dell’elevata infettività del virus, di utilizzare e mettere in atto le misure preventive previste per gli agenti del gruppo 1.

Nel paragrafo successivo ti spieghiamo quali siano le misure obbligatore di prevenzione per dentisti rischio biologico.

Dentisti rischio biologico: misure preventive obbligatorie

Quindi quali sono le misure preventive obbligatorie? Sicuramente risulta necessaria una valutazione dei rischi a priori, per la protezione dei lavoratori, tenendo in considerazione il così definito rischio biologico aggravato.

In questo senso, il Decreto Legislativo 81/08, all’interno del Titolo X (“esposizione agli agenti biologici”), scandisce gli obblighi in capo al datore di lavoro per la prevenzione della salute dei suoi dipendenti.

Le misure rese obbligatorie sono da inserirsi nell’ottica della valutazione dei rischi. Si parla di:

  • Misure igieniche;
  • Misure tecniche ed organizzative;
  • Misure di sorveglianza e informazione.

La valutazione deve tener conto anche delle (eventuali) situazioni che possono influire sul rischio e che sono rese pubbliche direttamente dall’Autorità Sanitaria. In tal senso, l’esempio più attuale è quello del Covid-19.

I lavoratori sono, dal canto loro, tenuti a preservare la loro salute e quella degli altri, sempre nell’ottica della stretta relazione tra tutela della salute (e, quindi, sicurezza nel luogo di lavoro) e rischio clinico.

Rischio biologico potenziale

Il rischio biologico potenziale si riferisce alla possibilità di essere esposti inavvertitamente ad agenti biologici che possono causare malattie, allergie o intossicazioni.

A differenza del rischio biologico deliberato, che implica l’uso intenzionale di microrganismi, come avviene nella produzione di alimenti o in certi laboratori di ricerca, il rischio potenziale riguarda esposizioni non intenzionali.

Questo tipo di rischio può verificarsi in diverse situazioni lavorative, come la gestione dei rifiuti o le attività agricole, dove il contatto con batteri, virus o funghi è possibile ma non pianificato.

Per esempio, nei settori sanitari e dentistici, il rischio biologico potenziale può derivare dal contatto con sangue o fluidi corporei durante una procedura medica o dentale. Per prevenire tali esposizioni non intenzionali, è fondamentale adottare misure di protezione come l’uso di guanti, maschere e altri dispositivi di protezione individuale (DPI). Inoltre, la formazione continua del personale sulle pratiche di igiene e sicurezza è essenziale per minimizzare i rischi. Seguire le normative, come quelle del Decreto Legislativo 81/2008, assicura che le misure di prevenzione siano adeguate e costantemente aggiornate, proteggendo la salute di tutti.

Rischio biologico degli operatori sanitari

Gli operatori sanitari sono quotidianamente esposti a una serie di rischi biologici derivanti dal contatto con agenti patogeni. Nell’Unione Europea, circa il 10% dei lavoratori è impiegato nel settore della sanità e della previdenza, con molti di essi operanti in ospedali e ambulatori. Tra i principali rischi vi sono l’esposizione a virus come l’HIV, l’HBV (virus dell’epatite B) e l’HCV (virus dell’epatite C), che possono essere trasmessi attraverso il sangue e altri fluidi biologici.

La trasmissione di queste infezioni può avvenire tramite punture accidentali con aghi contaminati, tagli con oggetti taglienti o contatto con mucose o pelle non integra. La frequenza di tali incidenti è significativa:

  • il 57% delle esposizioni riguarda infermieri,
  • il 15% avviene in laboratori di terapia intensiva;
  • il 37% in reparti medici​​.

Per prevenire il rischio biologico, è fondamentale adottare misure preventive specifiche. Tra queste, l’uso di dispositivi di protezione individuale (DPI) come guanti, mascherine e occhiali protettivi è essenziale. Anche la sanificazione regolare delle superfici di lavoro e degli strumenti medici riduce il rischio di contaminazione. La formazione continua del personale sanitario sulla gestione dei rischi biologici è un altro elemento chiave per garantire la sicurezza.

Inoltre, la sorveglianza delle infezioni occupazionali e la classificazione degli agenti patogeni in base alle modalità di trasmissione consentono di adottare misure preventive mirate. La vaccinazione contro l’epatite B è raccomandata per tutti gli operatori sanitari, riducendo significativamente il rischio di infezione​​.

Per approfondimenti, si possono consultare diverse fonti autorevoli:

Rischio biologico studio dentistico

Il rischio biologico nello studio dentistico è una realtà preoccupante, emersa anche grazie a studi recenti.

Ad esempio, i Centers for Disease Control and Prevention degli Stati Uniti hanno rilevato una percentuale anomala di decessi per fibrosi polmonare idiopatica tra dentisti e odontotecnici, suggerendo una possibile connessione con l’ambiente lavorativo odontoiatrico. Secondo Luigi Checchi, professore all’Università di Bologna, gli operatori odontoiatrici sono esposti a rischi biologici significativi, principalmente a causa dell’inquinamento indoor generato dagli strumenti rotanti e a ultrasuoni. Questi strumenti creano aerosol infetti contenenti frammenti di smalto, metallo, dentina, batteri, virus e funghi, che possono rimanere nell’aria per più di 24 ore​​.

Un problema chiave è l’operare su pazienti di cui non si conosce il profilo microbiologico o ematico, rendendo difficile prevenire le infezioni. Inoltre, le mascherine chirurgiche comunemente utilizzate nei studi odontoiatrici proteggono il paziente dal dentista, ma non viceversa. Solo i dispositivi di protezione individuale (DPI) offrono una protezione adeguata per entrambi, ma non sono utilizzati frequentemente a causa di una percezione errata della loro efficacia rispetto alle mascherine chirurgiche​​.

Per ridurre il rischio biologico, è consigliabile abbassare la carica microbica della bocca del paziente con antisettici come la clorexidina, e utilizzare sempre DPI come camici, cappelli e schermi. Inoltre, richiedere un profilo ematico e microbiologico prima di interventi chirurgici può essere una pratica ben vista dai pazienti, contribuendo a un ambiente di lavoro più sicuro per tutti​​.

Le responsabilità

È intervenuto sul fronte delle responsabilità il Decreto Cura Italia: l’eventuale contagio in uno studio dentistico da Covid-19 deve essere affrontato come infortunio sul lavoro.

Ciò potrebbe originare, anche penalmente, la responsabilità del datore di lavoro, che ovviamente deve essere verificata, mediante l’accertamento della sussistenza di dolo o colpa.

Lo studio dentistico potrebbe essere, poi, soggetto a sanzioni interdittive o pecuniarie. Per evitare l’insorgere di situazioni compromettenti l’attività, è necessario dimostrare la sussistenza e il rispetto di tutte le misure obbligatorie. La gestione è necessaria.

Dicono di noi

Dicono di noi

Kristiana Kola
Kristiana Kola
10:22 22 Aug 22
Rc Medici: Da poco abilitata, Mi sono affidata a loro.Personale disponibile e chiaro, mi hanno chiarito e semplificato l' approccio al mondo dell'assicurazione medica. Assicurazione stipulata in tempi brevissimi.Consigliati!
Cristina Rizzi
Cristina Rizzi
16:15 09 Aug 22
Mi sono appena laureata, e nell’inesperienza e confusione, RC Medici è stata la mia bussola! Disponibili, chiari, facilmente reperibili per ogni dubbio e perplessità! Consiglio vivamente ai neolaureati come me di affidarsi a loro per stipulare una polizza assicurativa! Vi assicuro che non ve ne pentirete! Cristina.
Medicina Interna
Medicina Interna
13:47 03 Aug 22
Sempre disponibili . Servizio rapido ed affidabile! Competitivo rispetto alle offerte sul mercato della zona .Possibilità di scelta e trasparenza dei servizi offerti! Il tutto comodamente da casa.
chiara scotton
chiara scotton
13:15 03 Aug 22
Una volta contattata l'agenzia via whatsapp, ho ricevuto immediatamente una chiamata da parte di una dipendente che mi ha fornito in maniera chiara ed esaustiva informazioni riguardo alla polizza di mio interesse. Grazie alla tempestività della risposta ho così potuto avere in tempi rapidi la mia polizza.
Stefano Di Marco
Stefano Di Marco
09:58 16 Jun 22
Molto chiari e precisi nel rispondere alle domande, sempre gentili e disponibili. I preventivi arrivano via mail rapidamente e per ogni chiarimento sono disponibili anche telefonicamente. Procedura semplice e digitale. Consigliati!
Giannicola Ruscino
Giannicola Ruscino
09:09 16 Jun 22
Efficienti, disponibili e professionali. Mi sono affacciato al mondo delle assicurazioni per medici per la prima volta e loro mi hanno saputo indirizzare correttamente. Consiglio a tutti i neolaureati!
Francesca Arianna Esposito
Francesca Arianna Esposito
09:34 14 Jun 22
Grazie a Rc medici è possibile scegliere tra una vasta gamma di proposte e offerte, ottenendo l’assicurazione più adatta alle nostre esigenze. Personale disponibile. Momentaneamente posso ritenermi soddisfatta.
Nico Retico
Nico Retico
14:02 18 May 22
Professionali e chiari in ogni aspetto. Sono disponibili a qualsiasi tipo di chiarimento richiesto specie in un argomento non sempre di facile compresione per terminologia e postille.ASSOLUTAMENTE CONSIGLIATI
Pietro Aimar
Pietro Aimar
06:54 14 Apr 22
Il gruppo RC medici: personale competente, offerte praticamente quotidiane e celerità nella risposta.Professionisti nel lavoro e iniziano da subito a riconoscerti risultando super disponibili. Un'ottima società che ti segue nella scelta dell'assicurazione.Da scegliere.
Francesca pugliese
Francesca pugliese
10:46 13 Jan 22
Ho sottoscritto una polizza presso RC medici in tempi brevissimi, con informazioni chiare e con grande disponibilità a venirmi incontro per alcune necessità. La tempistica di risposta ad email è telefonate è eccezionale. Sono quindi molto soddisfatta.
Silvia Lupi
Silvia Lupi
12:42 07 Jan 22
Mi ritengo molto soddisfatta della scelta di questa compagnia assicurativa.Personale molto disponibile e veloce nelle risposte che ha saputo guidarmi in un ambito che non conosco. Consigliatissima per i giovani medici che come me si trovano disorientati nell’ambito assicurativo.
Roberto Grandinetti
Roberto Grandinetti
12:14 04 Jan 22
Un ottimo servizio per quanto riguarda la velocità nella risposta e l'esaustività delle varie proposte contrattuali. Ottimo servizio di supporto via messaggio. Consigliato.
Rotem Avigdor
Rotem Avigdor
10:19 23 Dec 21
Il servizio prestato è stato veloce e professionale. Ho ricevuto supporto, aiuto e risposte rilevanti a tutti i miei dubbi. Voglio anche evidenziare che sono straniero ed il personale si è mostrato disponibile ad informarmi e spiegarmi tutto ciò che non capivo. Consiglio vivamente a qualsiasi giovane medico ai suoi primi passi lavorativi.
Silvia G
Silvia G
16:40 09 Dec 21
Sto stipulando un'assicurazione con loro e mi trovo molto bene: il personale è gentile, chiaro, disponibile, preciso. Inoltre il loro sito presenta molto risposte preventive a domande che si pone naturalmente una persona che non è esperta di questo campo, e fa risparmiare molto tempo, permettendo anche di avere le idee più chiare fin da subito. Per la mia esperienza finora lo consiglierei!
Eleonora Borghi
Eleonora Borghi
12:28 30 Nov 21
Affidabili, disponibili. Rispondo subito ad ogni quesito proposto in maniera esaustiva. Professionali e capaci di soddisfare ogni esigenza personale. Consiglio soprattutto se medici specializzandi con attività esterne
Andrea Savastano
Andrea Savastano
13:25 12 Nov 21
Perfetta per un giovane medico che si affaccia al mondo del lavoro. Personale molto disponibile sia per via telefonica che per mail.Molto consigliata!
Guarda tutte le recensioni
js_loader

error: Content is protected !!