Se stai leggendo questo articolo, probabilmente vorrai scoprire qualche informazione aggiuntiva sul mestiere del medico di bordo in Italia. Capiamo la tua necessità di raccogliere informazioni: il mestiere del medico dei mari è sicuramente particolare e richiede un’importante spinta personale.

Sei nel posto giusto: abbiamo raccolto per te una serie di informazioni che saranno sicuramente utili per chiarirti le idee sul tuo futuro e per verificare se il mestiere del medico di bordo fa al caso tuo!

Chi è il medico di bordo?

La storia della figura del medico di bordo ha origini molto lontane: esistono testimonianze che lo associano alle imbarcazioni navali che si muovevano tra le colonie e la madre patria ai tempi dell’espansione coloniale.

Con riferimento al nostro paese, la figura del medico di bordo fa la sua entrata durante il periodo delle traversate atlantiche. Nel 1895, con l’istituzione del Regolamento di Sanità Marittima, venivano assegnati al medico di bordo responsabilità riguardo “vigilanza e controllo delle malattie infettive dell’ambiente nave”.

Già nel 1897, per diversi tipi di imbarcazione, la presenza del medico dei mari era obbligatoria, come requisito fondamentale era il superamento degli esami di idoneità. Infatti, “nessuno può imbarcare come Medico di Bordo se non sia fornito dell’autorizzazione a viaggiare con tale qualifica”.

Dunque, il medico della nave è un professionista che, dovendo gestire la cura di problemi tra i più diversi, si è storicamente guadagnato la sua importanza sul campo, divenendo parte integrante della realtà navale.

Con l’entrata in vigore del Decreto ministeriale 13 giugno 1986, la figura del medico di bordo è divenuta fondamentale e obbligatoria sulle imbarcazioni della marina mercantile italiana:

  • Che abbiano le caratteristiche per essere considerate navi destinabili al servizio pubblico di crociera;
  • Che abbiano le caratteristiche per essere considerate navi traghetto per il trasporto di più di 500 passeggeri per una durata, tra scalo e scalo, almeno pari a 6 ore di navigazione.

Per diventare medico di bordo occorre essere in possesso dei cossiddetti requisiti di legge, e inoltre superare con esito positivo le prove di idoneità.

come diventare medico di bordo

Come diventare medico di bordo

Le possibilità che si aprono di fronte a chi voglia diventare medico di bordo sono, secondo la nostra normativa, due. Esiste, infatti, la possibilità di divenire medico di bordo abilitato e medico di bordo supplente. Per chi volesse partire battendo bandiera italiana con titolo di medico di bordo abilitato, devono essere soddisfatti i requisiti di legge, ovvero:

  • Cittadinanza italiana;
  • Età inferiore o uguale a 45 anni;
  • Idoneità fisica prevista per legge;
  • Diploma di laurea in Medicina e Chirurgia e abilitazione all’esercizio della professione, conseguito almeno due anni prima dal momento della domanda;
  • Iscrizione all’Ordine.

Soddisfatti questi requisiti, è necessario superare con esito positivo tutte le prove di idoneità. Coloro i quali avessero superato i 45 anni d’età o si trovassero in attesa delle prove concorsuali, potrebbero divenire medici di bordo supplenti.

Alcune precisazioni:

  • Medici di bordo abilitati: soddisfatti i requisiti visti prima, il medico di bordo abilitato che abbia acquisito l’idoneità si imbarca sulla nave della Marina Mercantile Italiana con il titolo di direttore sanitario e non ha limitazioni circa la tratta in cui avviene la navigazione. Deve avvenire obbligatoriamente l’iscrizione alla Gente di Mare competente per la città di residenza;
  • Medici di bordo supplenti: possono imbarcarsi sulle navi nazionali a titolo di medico aggiunto, primo o secondo medico in aggiunta al Direttore Sanitario. Per i medici supplenti, la possibilità di imbarcarsi da soli nel ruolo di Direttori Sanitari è aperta solo nel caso in cui la navigazione avvenisse solo sul mare Mediterraneo. Anche il supplente, come l’abilitato, deve obbligatoriamente procedere all’iscrizione alla Gente di Mare.
medico nave infermeria

Quella del medico di bordo è un’esperienza di crescita umana e personale, frutto dell’incontro fra persone e culture diverse.

Occupazione e guadagno

Come saprai (almeno a grandi linee), lo stipendio medio di un medico di base annua si aggira intorno ai 75.000 € lordi. Confrontando a questo valore gli stipendi medi dei medici che ricoprono i diversi ruoli a diverso titolo (medico di pronto soccorso, medico specialista, medico specializzando..), si possono ottenere informazioni interessanti.

Guardando, infatti, al medico di bordo, possiamo dire che il suo stipendio medio è pari a € 57.000 annui lordi. Il suo guadagno è soggetto a una variazione negativa del 24% rispetto allo stipendio medio di un medico. Sul fronte occupazionale, purtroppo l’Italia si conferma, anche per il mestiere del medico che svolge la propria professione su una nave, un Paese con molta meno offerta di posti rispetto a molti paesi esteri.

Sono molte poche, infatti, sia le compagnie crocieristiche attive, con alcuni sostanziali monopoli sul fronte delle associazioni di imbarchi.

Conclusioni

Come avrai potuto capire leggendo questo articolo, la situazione sul fronte occupazionale per coloro che avessero intenzione di fare un’esperienza di questo tipo non sono molto confortanti.

Rimane comunque un’esperienza che, a detta di chi l’ha provata, non permette di crescere solo sotto il profilo professionale, ma anche (e soprattutto) sotto quello di crescita umana e personale portata dall’incontro tra culture diverse e dalla possibilità di interagire con diverse persone.

Clara Timossi