Quello che è l’appuntamento più temuto dei medici è il test ingresso specializzazione di medicina, che decide ogni anno del futuro di migliaia di studenti. Vediamo in questo post come funziona l’esame e i consigli per superarlo.

Vi consigliamo di cliccare qui se siete invece interessati ad approfondire la tematica delle assicurazioni giovani medici!

Test ingresso specializzazione: come si svolge la prova

Il nuovo test di medicina per l’ammissione alla specializzazione si svolge sulla base del regolamento pubblicato a settembre 2017 ed è costituito da 140 domande a risposta multipla con 5 opzioni. Il punteggio del test deriva dalla risposta esatta al maggior numero di domande, considerando che per ogni risposta errata vengono sottratti 0,25 punti e che il curriculum dello studente iscritto al test di ammissione vale al massimo 7 punti.

Il test ingresso specializzazione comprende tutte le materie – in particolar modo quelle dell’area clinica – ed il miglior modo per prepararsi è fare una simulazione del concorso, che si può trovare sul sito del MIUR e permette di avere un’idea di come è la prova e della preparazione acquisita.

Ogni aspirante medico che supera la prova potrà poi decidere tre specialità e tre sedi preferite, ordinando la combinazione specialità-sede come segue. Ad esempio, si potrà indicare Pediatria Torino, Pediatria Milano e Pediatria Genova.

Dove studiare per superare l’esame di ammissione alla specializzazione

Da quando è nato il nuovo concorso nazionale SSM sono nate anche tante scuole e accademie, tra cui l’AIMS, che organizzano appositi corsi di specializzazione al costo di 2.500 euro e vendono manuali dedicati alla preparazione ai test di ammissione.

Personalmente, il nostro consiglio è studiare sui manuali CTO, una ventina di volumi che trattano ogni materia clinica a cui si aggiunge un manuale più ampio in scienze di base pre-cliniche. L’importante è, tuttavia, acquistare la versione aggiornata, che costa circa 280 euro e viene pubblicata di anno in anno.

 

Il vantaggio di studiare sui CTO è che si tratta di manuali oggettivamente ben fatti e ricchi di informazioni esposte in modo chiaro e completo, illustrate con grafici e schemi. Sono, inoltre, i più aggiornati tra quelli presenti sul mercato. Ecco perché, anche se ideati per i medici spagnoli, corrispondono anche a quelli utilizzati per superare il test ingresso specializzazione in Italia.

Leggere, sottolineare e schematizzare tutte le informazioni contenute in questi volumi è fondamentale per acquisire una buona preparazione per il test di ammissione alla specializzazione, ma è anche un lavoro che richiede almeno 3 mesi di studio. Se, tuttavia, i mesi a disposizione sono meno è consigliabile schematizzare e imparare soprattutto le informazioni nuove, stando attenti a non trascurare alcuna materia.

Altri materiali per studiare e prepararsi al test di ammissione

Una valida alternativa ai manuali CTO sono quelli Edises, molto meno costosi, ma anche più sintetici. Il consiglio, in questo caso, è integrarli con le linee guida delle società scientifiche europee di riferimento ed il sito Medscape, con i vecchi appunti di studio, cercando di affrontare tutto, anche solo leggendo. Il test, infatti, si svolge a crocette ed è sufficiente una preparazione non perfetta per superarlo.

Se, poi, volete investire migliaia di euro in un corso per la preparazione al concorso SSM, sappiate che nella maggior parte dei casi la preparazione universitaria è più che adeguata e, soprattutto, a ventisei anni si è in grado di studiare da soli.

Come esercitarsi per il test di medicina

Potrà sembrare strano, ma fare tante simulazioni a crocette è poco utile per la preparazione, anche se permette di mettervi in una modalità di esame e di individuare le aree in cui la vostra preparazione è più debole. Vediamo, allora, alcuni validi modi per esercitarsi per il test di medicina:

  • tentare di rispondere alle vecchie domande dei concorsi SSM dal 2014 in poi che trovare sul sito del MIUR in un database di circa 2000 domande;
  • provare a fare i vecchi concorsi MMG disponibili sui diversi siti Internet;
  • provare a rispondere alle domande dei manuali AIMS e CRO, dato che spesso si tratta di domande complesse e permettono di raggiungere una buona specializzazione;
  • acquistare l’apposito manuale EDISES con i quiz e le risposte commentate e anche il Libro dei 10.000 Quiz sempre di EDISES.

Conclusioni

A chi si chiede come superare il test ingresso specializzazione il consiglio è sempre uno solo: studiare e prepararsi senza angoscia dato che si hanno conoscenze fresche e, togliendo alcune domande complesse, le altre sono di facile soluzione con il ragionamento. Possiamo dire, in generale, che se avete lavorato bene per sei anni avrete le basi per superare l’esame di ammissione alla specializzazione, a patto di restare concentrati per fare meglio degli altri.