fbpx

Quando è necessario compilare i certificati medici? Come si compilano correttamente nel caso di malattia, gravidanza, porto d’armi o rilascio della patente? Esistono modelli già pronti da utilizzare nella propria attività di medici? Sono tante le domande che, soprattutto i giovani medici che hanno cominciato da poco la loro carriera, si pongono ogni giorno ed a cui vogliamo dare risposta in questo articolo.

Certificati medici: la loro importanza

Sicuramente i certificati medici rappresentano oggi il documento principale dell’attività medica e una delle incombenze più frequenti per il medico professionista. Non si tratta però di un semplice lavoro di routine dato che sono diverse le norme da rispettare e le problematiche correlate alla corretta redazione di un certificato medico.
Si definisce come certificato medico quel documento medico legale che richiede al medico la conoscenza giuridica, oltre che tecnica e professionale necessaria a realizzarlo. Oggetto e soggetto di norme giuridiche, i certificati medici sono attestazioni scritte dello stato di salute e malattia di un soggetto, ma anche di ogni fatto di natura tecnico-sanitaria riscontrato dal medico nella sua pratica professionale.

Certificati medici: le tipologie più richieste e la consegna

Il decreto legge n.69/2013 convertito successivamente nella Legge 9 agosto 2013 n.98 ha soppresso i certificati sanitari che attestano l’idoneità psico-fisica al lavoro ovvero il ben noto certificato di sana e robusta costituzione, quello per lavorare nel pubblico impiego e molti altri ancora.
Tra i certificati medici più richiesti rientrano, invece, il certificato di malattia e il certificato di attività sportiva non agonistica, che vediamo ora nel dettaglio.
1. Certificato di malattia: può essere rilasciato dal medico di base anche neo-abilitato, dalla guardia medica e da ogni libero professionista e si trasmette per via telematica all’INPS compilando i campi nell’apposito portale online. Ogni medico neo-abilitato riceve facendo richiesta all’Ordine dei Medici le credenziali personali per preparare questa tipologia di certificati medici;
2. Certificato di attività sportiva non agonistica: può essere rilasciato dal medico di base e dal pediatra, ma non dal medico libero professionista.
Il medico consegnerà il certificato al soggetto che lo richiede o a un’altra persona indicata dal richiedente ovvero da un soggetto esterno, ad esempio chi esercita la patria potestà o l’amministratore di sostegno. Se a ritirare il certificato è una terza persona, questa dovrà presentare un documento che autorizza il rilascio e una delega scritta. Oggi, tuttavia, dato che i certificati vengono creati e trasmessi telematicamente, molti pazienti lo richiedono per telefono, anche se l’Ordine dei Medici ribadisce la necessità del contatto diretto tra medico e paziente.
Questo è essenziale per verificare le reali condizioni di salute a cui ci si riferisce nel certificato ed evita la creazione di un documento giuridico la cui validità e veridicità possono essere compromesse, con reato di falso ideologico.

I requisiti essenziali dei certificati medici e la compilazione

I certificati medici devono contenere gli elementi necessari per lo scopo da svolgere ed essere completi, chiari e veritieri. In particolare ogni certificato medico riporterà al suo interno:
– Dati del professionista che emette il certificato: titolo abilitante, indirizzo professionale, numero di iscrizione all’albo professionale o all’anagrafe regionale e ordine di appartenenza. Solitamente i dati sono riportati nel ricettario personale o nel timbro del medico.
– Dati del paziente o del soggetto che richiede il certificato: nome e cognome, indirizzo, data di nascita, codice fiscale.
– Data di certificazione: è indispensabile per la validità del certificato medico e deve sempre essere riportata, pena la nullità dell’atto.
– Firma del certificante: il certificato acquisisce validità solo quando viene firmato dal medico professionista. Questa fase è sostituita dalla firma elettronica nella certificazione telematica o da altri credenziali quali PIN, SPID o Carta Nazionale dei Servizi.
Non è tutto. I certificati medici devono essere chiari e la forma ha la stessa importanza della completezza del documento, che deve sempre essere leggibile e comprensibile anche se scritto a mano. Un certificato illeggibile ha conseguenze anche sul piano civile e penale, oltre a essere nullo.
Infine il certificato medico deve essere scritto in modo da farsi comprendere non solo da chi deve attestare il valore del documento, ma anche dalla persona che lo richiede.

Certificati medici: modelli gratuiti

Oggi online puoi trovare diversi siti che mettono a disposizione del medico i modelli di certificati medici più richiesti, anche se il consiglio è verificare sempre la loro correttezza e che siano adeguati alla normativa del settore, rivolgendosi all’Ordine dei Medici.
Tra i siti che vogliamo segnalarti c’è il sito stesso dell’Inail, che mette a disposizione il vecchio modello di certificato medico cartaceo per le varie tipologie e offre materiale di supporto per la certificazione medica telematica di ultima generazione.
Continua a seguire il blog per essere sempre aggiornato sulle ultime novità di settore!